Crea sito
officina narrativa Home » ” Invisibile bellezza” – Primo classificato al Concorso Il volo di Pegaso XII ed.
Bellezza

” Invisibile bellezza” – Primo classificato al Concorso Il volo di Pegaso XII ed.

targa primo classificato

Vince la XII edizione del Concorso artistico letterario Il volo di Pegaso, la poesia: «Invisibile bellezza», che si aggiudica il primo premio .

Invisibile bellezza
 
 Sguardi densi di parole
 negli occhi tuoi un sussurro di luce, 
 un raggio di sole 
 filtrava da una porta schiusa. 
 
 Luce che di soppiatto  
 arrivava come un lampo 
 nel tacito ascolto,
 faceva un gran rumore.
 
 Flebile respiro il tuo canto,   
 invisibile bellezza il tuo sorriso, 
 mi lasciavi senza parole 
 gioire di vero.
 
 Bellezza che ritorna  
 nei giorni rubati dal dolore,
 nella felicità di chi vive in silenzio le proprie ore, 
 con la leggerezza di un sospiro si abbandona. 
 
 Rimembranze, riaffiorano nel mio sentire  
 quando il ricordo ti sfiora e, 
 la tua grezza voce mi chiama   
 sento che non sei lontana!
 
 Tu figlia di una vita imperfetta
 sei stato il frutto di una bellezza che si rispetta,
 non bella ma… vera, rara, 
 invisibile bellezza.
 
 Gina Scanzani 
 

Sono molto felice per questo traguardo e, ringrazio tutto il Team del Concorso e la giuria del Premio per l’apprezzamento alla mia lirica. Un grazie al CNMR (Centro Nazionale Malattie Rare) e all’ISS (Istituto Superiore di Sanità) che riescono a tener vive queste importanti iniziative, utili soprattutto a ricordare alla popolazione quanto sia importante l’arte nel nostro panorama e quanto essa riesca a dare valore e importanza alle nostre vite.

La bellezza unisce le distanze, questo era il tema del Concorso: in questo caso la metafora si rivolge a chi ci ha lasciato a chi ha saputo donare in vita qualcosa che resterà per sempre. La bellezza non materiale resiste e non si consuma all’usura del tempo. La bellezza di un ricordo vince sulla bellezza materiale, la dove le buone maniere saranno sempre un apice e un motivo di unione tra le persone. La poesia è stata ispirata da una persona che non è più tra noi, ma il suo ricordo la sua bellezza nella poesia sempre resterà.

Gina Scanzani